La fresca croccantezza di un insalata Mediterranea

Gli ingredienti

 

Calura estiva e pranzo a casa da inventare quando non si è al mare, dove spesso si opta per un trancio di focaccia o un panino pomodoro e mozzarella oppure per una bella scorpacciata di frutta succulenta di stagione.

Allora se ho la possibilità di un tagliere da sfruttare, ecco che mi viene alla mente la più classica delle insalate mediterranee: la Greek salade, ovviamente all’italiana visto che non abbiamo niente da invidiare ai cugini greci (‘italiani-greci stessa faccia stessa razza’) tranne il loro burroso formaggio di capra (Feta), sostituibile con nostrani latticini se si vuole essere nazionalisti fino al midollo.

La Feta l’ho presa in un negozio Bio (Campania Felix) nei pressi di casa: buona, acidula, cremosa e farinosa allo stesso tempo e adeguatamente saporita, come pomodori ho utilizzato dei pomodori di Sorrento callosi e ricchi di polpa, olive nere di Gaeta molto piccole, un peperone fresco e croccante di Tramonti, giallo e non verde come nelle migliori insalate Greche, della cipolla gialla napoletana affusolata, un cetriolo dai semi morbidi, sale grosso, basilico appena tagliato e origano secco, infine l’olio extravergine di Valentini, non tra i più economici sul mercato ma sicuramente di spiccata fragranza e genuinità.

L’assemblaggio delle materie prime è stato un pò come costruire una piramide di gusto nella quale fossero alternate consistenze e colori, il resto lo ha fatto la giusta tranquillità per godere al meglio del gusto ricco di un piatto semplice quanto, direi quasi per assurdo, dissetante.

A del buon vino, io ho sostituito una Blanche de Valerie del birrificio Almond ’22, una blanche atipica, opalescente, agrumata, dai profumi di ruggine e fumè, al palato entra acida ma non troppo e termina con una luppolatura molto delicata, il tenore alcolico limitato (4,5°) e le sottili bollicine la rendono leggerissima e dissetante come un sorso di acqua di fonte.

Resta al gusto una sensazione netta di nocciole fresche, agrumi essiccati e frutta candita, benchè la persistenza non sia elevata si adegua bene alla candida insalata di piena estate agostana.

 

Il risultato finale

 

Cla

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.