Stravanti equilibri geometrici

Millefoglie di zucchine, patate e leccia stella su croccante di pane di kamut e concentrato di datteri e nocciole 

 

Cavolo ma perchè per fare le cose semplici ci si deve esibire in competizioni da ristorante stellato? Forse perchè ognuno nel suo piccolo vuole essere protagonista anche solo per la persona amata o per un amico speciale o solo per uno sconfinato EGO…io l’ho faccio soprattutto per questo, ma non solo!

E allora basta una sola ora di relax per rendere uno sfigato pesce stella, si sfigato, perchè scarsamente considerato sia nei banchi pescheria sia dal consumatore finale a torto. 

Invece è un pesce magro, con una delicatissima carne bianca poco erbacea e molto marina (da delicato pesce azzurro) e che sfilettato può dare belle sottisfazioni a tavola spendendo veramente poco.

Io nè ho utilizzato 4 filetti e in una teglia unta di extravergine ho messo alla base delle sottili fette di zucchine e patate, poi ho aggiunto i filetti privi di spine e ho coperto nuovamente con fettine di patate e zucchine, del sale grosso, dei semi di sesamo tostato, un pò di peperoncino e un filo ulteriore di extravergine.

Mentre la teglia cuoceva al forno a 180 gradi per 20 minuti, ho tostato delle fette di pane kamut in padella in modo da realizzare una base solida e poi ho provveduto a tagliarle a rotelle con un tagliapasta, una volta sfornato il pesce con lo stesso tagliapasta ho creato due rondelle di pesce stella ricoperto di ortaggi e ho completato con una ‘fanatica’ pennellata di concentrato di datteri e granella di nocciole fresche che dessero croccantezza al piatto e una sensazione dolce che facesse propendere il piatto verso questo elemento (dolcezza degli ortaggi e in parte anche dell’argentato pesce) per berci un vino di quelli spiccatamente sapidi e di buon corpo…nello specifico ho stappato il Rosato Le Mongolfiere a San Bruno La Rivolta, un rosè di Aglianico del Taburno molto corpulento e alcolico ma di piacevole sapidità e fragranza, in grado di appagare le membra, anche qui senza svenarsi…del tipo serata low cost!

 

Cla.   

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.